Info & Prenotazioni +39.392.5853613 pazienti@dottorpaolucci.it

Visita pediatrica

La vista va controllata sin dai primi anni di vita. Lo sapevi che alcuni difetti visivi dei bambini possono diventare permanenti se non curati sin da piccoli?

Quando va fatta la prima visita?

Alla nascita, in ospedale, viene fatto il primo controllo, e successivamente il pediatra controllerà periodicamente la vista. La visita oculistica prima dei 4 anni di età è necessaria se il pediatra o i genitori notano delle difficoltà visive, delle posizioni anomale del capo o di tutto il corpo del bambino (per esempio soprattutto di fronte alla televisione, che richiede un’attenzione visiva prolungata) o se si verifica uno strabismo, permanente o saltuario. In assenza di queste alterazioni, la prima visita oculistica deve essere effettuata all’età di 5 anni, prima dell’inizio della scuola.

Cos’è l’occhio pigro?

La patologia più frequente nei bambini è l’ambliopia, ovvero una riduzione più o meno marcata della capacità visiva di un occhio o, più raramente, di entrambi. Accade che se uno dei due occhi è sin dalla nascita più miope, ipermetrope o più astigmatico dell’altro, l’immagine visiva proveniente da questo occhio risulterà più annebbiata, al punto che il cervello esclude l’immagine proveniente dall’occhio più “anomalo”, per evitare confusione visiva. Praticamente, il bambino guarda con un occhio solamente, anche se apparentemente i due occhi sembrano uguali.

Purtroppo, la via nervosa visiva termina il suo sviluppo non alla nascita, ma dopo 6-7 anni. Pertanto, l’esclusione dell’occhio più difettoso comporta un mancato sviluppo della via visiva cerebrale; nel ragazzo dai 9-10 anni in poi, questo occhio “pigro”, sebbene sia anatomicamente perfetto, continuerà ad essere escluso, e, dato che la via nervosa non si è sviluppata, la sua visione non potrà migliorare nemmeno con gli occhiali o con l’intervento chirurgico. Per questo è fondamentale prevenire la comparsa dell’occhio pigro,eseguendo una visita oculistica entro i 6 anni di età, con particolare attenzione ai bambini che hanno genitori o fratelli con problemi oculistici già noti. Con la visita oculistica, sarà possibile identificare precocemente il difetto visivo e prescrivere gli occhiali adeguati, che riporteranno l’uguaglianza tra i due occhi, ripristinando una corretta funzione visiva. E la prevenzione in questo caso è la migliore arma!

E’ dolorosa?

La visita oculistica non fa male, ma spesso nei bambini è necessario instillare della gocce che dilatano la pupilla e che , dato che creano bruciore nei primi secondi, possono non essere accettate dal bambino. In ogni caso è fondamentale l’uso di queste gocce, in quanto possono mostrare patologie altrimenti non diagnosticabili. I nostri piccoli pazienti sono comunque sempre i benvenuti da noi, e tornano sempre volentieri nonostante questo piccolo fastidio

Quali sono le patologie più frequenti?

Le patologie più frequenti riguardano le allergie oculari, che negli ultimi anni hanno raggiunto diffusioni drammatiche. Spesso si manifestano con ammiccamenti oculari frequenti, o si nota che il bambino tende a stropicciarsi frequentemente gli occhi. Un’altra patologia frequente è lo strabismo, che a volte può essere talmente lieve da passare inosservato ai genitori, ma che può causare difficoltà visive anche gravi. Molte altre patologie possono interessare l’apparato visivo del bambino, ma sono molto più rare

Call Now ButtonCHIAMA ORA